Federico Maddalozzo
If you considered time as much as space

Quello presentato da Federico Maddalozzo (Pordenone, 1978) nello spazio di MARS è un discorso oggettuale. Letteralmente, un dialogo tra oggetti collocati nello spazio. Nove prime pagine del ‘New York Times’, completamente ricoperte di colore nero, negano alla vista la lettura dei contenuti del giornale. Contemporaneamente, quattro bombolette spray interagiscono con due basi scultoree, subendo una pressione che provoca la fuoriuscita continua del colore fino al suo esaurimento. Gli oggetti dialogano tra di loro, parlando il linguaggio spaziale delle potenzialità del luogo in cui sono collocati. Sarà sufficiente scostare di poco la lettura di questi lavori, per rendersi conto che l’artista innesta sul piano spaziale una componente – altrettanto significativa – legata al tempo. Le pagine del ‘New York Times’, pur se completamente inaccessibili, raccontano storie lunghe 9 giorni. Le bombolette si consumano in una ventina di minuti.
Il fruitore dunque, in dialogo ideale con l’artista, è invitato ad andare oltre l’approccio meramente spaziale per accedere a quello temporale. Gli si chiede di non soffermarsi sulla prima chiave di lettura offertagli. Gli si chiede di considerare il tempo tanto quanto lo spazio.

Please call to get in: +39 3392059014

Opening On MARS mercoledì 15 settembre 2010 dalle ore 19.00 alle 21.00
16.09.2010 / 20.09.2010 (su appuntamento)

________________________________

- Milano – Federico Maddalozzo at MARS
Mousse Magazine